Febbre nel cane: cosa sapere e come comportarsi - ADVANCE

Febbre nel cane: cosa sapere e come comportarsi

La febbre nel cane può avere molteplici cause. Come per noi, è una manifestazione che indica che i meccanismi del corpo sono stati attivati contro alcuni agenti patogeni.

Quindi, dovresti preoccuparti se il tuo cane ha la febbre? Dipende dal livello della temperatura, da cosa la causa e dai sintomi associati ad una possibile malattia. È quindi importante fare una valutazione adeguata per distinguere le situazioni che richiedono un intervento tempestivo da quelle che non lo richiedono.

 

MECCANISMI DI AZIONE E CAUSE DELLA FEBBRE NEL CANE

 

La termoregolazione è responsabile del mantenimento della temperatura corporea entro un intervallo costante e in equilibrio. Succede anche ai nostri cani. Quando la temperatura supera questo intervallo, ci troviamo di fronte alla cosiddetta sindrome febbrile o febbre. La temperatura normale di un cane adulto varia da 37,8 gradi a 39,2 gradi.

Questi valori possono tuttavia cambiare a seconda dell'età, della razza e delle caratteristiche individuali del cane. Ad esempio, i cuccioli appena nati hanno una temperatura da 34,4 a 36,1 gradi, mentre quelli di quattro settimane hanno una temperatura di circa 37,8 gradi.
 

L'ipotalamo è l'area del cervello dove si trova questo termoregolatore del corpo, ed è incaricato di attivare questo meccanismo di compensazione a seconda della situazione. Per esempio:

  • Quando la temperatura corporea è al di sopra della norma, si attivano meccanismi di dissipazione del calore: l'ansimare, la vasodilatazione, i cambiamenti posturali e la traspirazione contribuiscono ad abbassare la temperatura corporea.

  • Quando la temperatura corporea è inferiore alla norma, si attivano i meccanismi di produzione di calore: l'aumento dell'attività muscolare (tremori) e del metabolismo, così come la vasocostrizione, la piloerezione o i cambiamenti posturali contribuiscono ad aumentare la temperatura corporea.

L'insorgenza della febbre nei cani può essere causata da agenti esterni di origine microbica (virus, batteri, funghi, lieviti) o non microbica (ormoni, farmaci, immunocomplessi). Questi agenti esterni formano sostanze interne chiamate citochine che innescano una risposta del sistema immunitario. In altre parole, modificano la temperatura di riferimento e la aumentano. Lo scopo del sistema immunitario è quello di eliminare questi agenti patogeni dall'organismo attivando i meccanismi di produzione di calore. Una volta raggiunto questo obiettivo, la temperatura ritorna al suo range normale.

La causa più comune della febbre nel cane è di natura infettiva. Anche se può essere dovuto a cause infiammatorie e immunomediate, neoplastiche e miste. Esiste anche una piccola percentuale di casi in cui la causa non può essere determinata: si tratta di febbre di origine sconosciuta o idiopatica.

 

COME SAPERE SE IL CANE HA LA FEBBRE E COSA FARE

 

Un cane in stato febbrile, oltre ad avere una temperatura corporea elevata, può avere altri sintomi:
 

  • Stato generale di apatia, letargia e sonnolenza
     

  • Aumento della frequenza cardiaca e respiratoria
     

  • Perdita di appetito e sete (anoressia e disidratazione)
     

  • Debolezza e perdita della condizione corporea
     

  • Convulsioni o shock
     

  • Sintomi caratteristici di una malattia come tosse, vomito, diarrea, emorragia, ecc.

 

Se pensi che il tuo cane abbia la febbre, il modo migliore per controllarla è quello di misurare la sua temperatura rettale con un termometro digitale. Altri parametri, come la sensazione di un naso caldo o secco, non sono affatto affidabili. Se hai bisogno di aiuto, puoi chiedere al veterinario di mostrarti come si fa questo controllo.

 

Nei cani, una temperatura da 39,3 gradi a 40,5 gradi è considerata lieve o moderata. Mentre la febbre è alta quando la temperatura è tra i 40,5 gradi e i 41,6 gradi. Una febbre lieve o moderata non dovrebbe essere trattata, in quanto ha una funzione difensiva.

  • Se non compaiono altri sintomi, osserva i progressi del tuo cane per 2-3 giorni e assicurati che abbia il giusto apporto nutrizionale e che sia ben idratato.

  • Tuttavia, se si tratta di una sindrome febbrile prolungata con temperature elevate o altri sintomi, la salute del tuo cane può essere a rischio. Una visita dal veterinario è quindi più che giustificata.

Durante i processi febbrili non è consigliabile cercare di abbassare la temperatura in modo drastico, poiché potrebbe peggiorare il quadro clinico della malattia. Tuttavia, può essere utile applicare panni inumiditi con acqua tiepida in zone come l'inguine, le ascelle o l'addome. D'altra parte, è importante distinguere un processo febbrile con la cosiddetta ipertermia non febbrile. L'innalzamento della temperatura corporea è presente in entrambi, ma le cause e le conseguenze sono diverse.

 

Quando la temperatura corporea del cane supera i 41,6 gradi, abbiamo a che fare con l'ipertermia. Si tratta di una situazione estremamente urgente perché temperature così elevate possono causare danni irreversibili alle strutture e alle funzioni cellulari e compromettere la vita del tuo cane. Alcuni esempi di ipertermia sono: colpo di calore, sindrome brachicefalica, stato epilettico o disturbi metabolici come l'ipertiroidismo.

 

In contrasto con le condizioni febbrili, nei casi di ipertermia non febbrile l'obiettivo è quello di promuovere il trasferimento di calore con un raffreddamento rapido ed efficace. Bagni d'acqua fredda con un tubo flessibile, in piscina o in vasca, o utilizzando correnti d'aria o ventilatori, possono dare buoni risultati. Tuttavia, è importante andare dal veterinario il prima possibile.

 

La febbre nel cane è un meccanismo di difesa dell'organismo, quindi la sua utilità dovrebbe essere valutata. Tuttavia, in caso di dubbio, è consigliabile contattare il veterinario in modo che possa guidarti adeguatamente e non mettere a rischio la salute del tuo cane. D'altra parte, in nessun caso la medicina umana deve essere somministrata a un cane senza la supervisione di un veterinario. Le dosi e la metabolizzazione di queste sono diverse nei cani, quindi le conseguenze potrebbero essere irreversibili.

Scopri il cibo migliore per il tuo cane

Inizia il test

Articoli che
potrebbero interessarti