Sangue nelle urine del cane - ADVANCE

Sangue nelle urine del cane

La presenza di sangue nelle urine è chiamata ematuria ed è frequente nei cani, ma questo non sempre significa che si tratti di un'emergenza veterinaria.

Tuttavia, è importante sapere cosa sta succedendo al tuo cane e decidere quindi di andare dal veterinario. In questo articolo, chiariremo alcuni dubbi su questo problema. 

 

SANGUE NELLE URINE DEL CANE: CHE SUCCEDE?

 

L'urina dei cani ha un colore giallastro più o meno intenso e può variare a seconda di fattori quali il contenuto di urocromo (che deriva dall’emoglobina), la concentrazione o il pH.

Non tutte le variazioni della colorazione delle urine sono dovute al sangue, né implicano la presenza di malattie. Ci sono altri pigmenti, come la mioglobina o la bilirubina o pigmenti alimentari, che possono causare cambiamenti nelle urine. 

Tuttavia, la presenza di sangue nelle urine del cane a livello macroscopico (visibile ad occhio nudo con un colore rosa, rosso o marrone) o microscopico è di solito una scoperta patologica. Se il tuo cane urina sangue è consigliabile andare dal veterinario il prima possibile, soprattutto per prevenire possibili casi di trauma o di malattia urologica ostruttiva. Poiché si tratta sempre di un'indicazione di malattia, è meglio avere l'aiuto di uno specialista che valuti la situazione senza indugio.

 

CAUSA DELLA PRESENZA DI SANGUE NELLE URINE DEL CANE

 

L'ematuria nei cani può essere dovuta a diverse cause che di solito coinvolgono il sistema urogenitale o il sistema emostatico (coagulazione). Tuttavia, a volte, può anche essere dovuto a una patologia sistemica secondaria o a una malattia latente. Le cause più frequenti sono:

  • Patologie delle vie urinarie (uretra, vescica e uretere): infiammazioni e infezioni dell'uretra e della vescica (uretrite, cistite), calcoli (urolitiasi), neoplasie (carcinoma ed emangioma), malformazioni (uretere ectopico) o traumatismi (colpi e traumi).

  • Patologie renali: malattie infettive o parassitarie (Ehrlichiosi, Leptospirosi), infiammazioni del glomerulo e del midollo renale (glomerulonefrite, pielonefrite), traumi renali, calcoli renali (litiasi renale) o malattia renale policistica.

  • Patologie genitali: infiammazione della prostata (prostatite) e iperplasia prostatica, traumi, neoplasie (tumore venereo trasmissibile), calore (proestro), infiammazione della vagina (vaginite), infiammazione dell'utero (endometrite) o infezione purulenta dell'utero (piometra).

  • Alterazioni dell'emostasi: coagulazione intravascolare disseminata, emofilia, intossicazione da anticoagulanti come cumarine (rodenticidi), farmaci (aspirina, antibiotici), ecc.

 

SEGNALI CHE POSSONO ACCOMPAGNARE L'EMATURIA

 

A seconda della causa dell’ematuria (presenza di sangue nelle urine del cane), possiamo trovare altri sintomi associati.

  • Nei disturbi dell'emostasi, possono comparire altre emorragie più o meno estese in diverse parti del corpo, come epistassi, petecchie sulla pelle e sulle mucose o emorragie rettali (ematochezia).

  • Al contrario, le malattie urologiche localizzate possono essere accompagnate da segni e sintomi come la frequenza della minzione (pollachiuria), incontinenza o disuria (difficoltà o dolore nella minzione), così come febbre, dolore, apatia, vomito e anoressia nelle malattie sistemiche.

  • L'osservazione della frequenza e del momento in cui si verifica l'ematuria può fornire informazioni preziose per identificare la provenienza del sangue nelle urine del cane e facilitare la diagnosi.

Ad esempio, se il sanguinamento si verifica all'inizio della minzione, è più probabile che provenga dall'uretra o sia di origine genitale. Se si verifica al termine della minzione, è probabile che provenga dalla vescica. Tuttavia, se si verifica durante la minzione, potrebbe trattarsi di un disturbo renale, prostatico o di emostasi.

 

Le situazioni in cui la causa è nota per essere un colpo o un trauma sono più urgenti, soprattutto se l'ematuria è grave.

 

Diagnosi comuni basate sui seguenti test:

  • Anamnesi ed esame fisico completo: osservazione della mucosa orale per valutare il grado di anemia (pallore, aumento del tempo di riempimento dei capillari) e la presenza di emorragie in diverse sedi che possono indicare un disturbo della coagulazione (coagulopatie, avvelenamenti, ecc.), della palpazione renale, vescicale e genitale (palpazione della prostata nei maschi).

  • Esame del sangue: emocromo per valutare il grado di anemia (globuli rossi) se presente, la funzione piastrinica (coagulazione) e altre anomalie leucocitarie (globuli bianchi) indicative di infezione, insieme ad un'analisi biochimica per valutare la funzione renale e altre patologie sottostanti. In alcuni casi, anche test di coagulazione specifici possono essere molto utili.

  • Raccolta di campioni per l'analisi delle urine: idealmente, l'urina viene raccolta direttamente dalla vescica mediante siringa o cistocentesi per ottenere un campione sterile, anche se questo può essere fatto anche con altre tecniche usando un catetere o raccogliendo direttamente il campione durante la minzione. Successivamente, l'analisi delle urine mediante strisce colorimetriche, rifrattometro e analisi del sedimento al microscopio possono dare una diagnosi diretta in molti casi.

  • Altri esami complementari: può essere possibile procedere con una diagnosi per immagini (ecografia addominale, radiografia o TAC), cistoscopia e vaginoscopia, oppure biopsia per valutare alterazioni morfologiche, calcoli o neoplasie delle vie urinarie e dei genitali.

 

SANGUE NELLE URINE DEL CANE: TRATTAMENTI E CURE

 

Il trattamento dell'ematuria è stabilito in base alla causa primaria o secondaria della stessa. Ad esempio, la terapia per una malattia infettiva che causa ematuria non è lo stesso del trattamento di un trauma vescicale o di un avvelenamento.

  • Nel caso di infezioni del sistema genitourinario, in genere è sufficiente un trattamento eziologico basato su antibiotici e antinfiammatori scelti per singolo caso.

  • Il trattamento degli uroliti, sia nel tratto urinario superiore che inferiore, si basa sulla loro dissoluzione attraverso la dieta e gli integratori alimentari che aiutano a modificare il pH urinario. L'uso di antibiotici è indicato in molti casi, e può rivelarsi necessaria la rimozione chirurgica.

  • Le alterazioni dell'emostasi richiedono un trattamento farmacologico specifico per ogni singola causa. In generale, le patologie del sistema genitale possono richiedere terapie farmacologiche a base di antibiotici, antinfiammatori, analgesici e ormoni, o interventi chirurgici (rimozione di masse, ricostruzione di malformazioni o sterilizzazione).

 

SANGUE NELLE URINE DEL CANE: COME PREVENIRE IL PROBLEMA

 

Parlando di prevenzione, la nutrizione e l'idratazione giocano un ruolo fondamentale per quanto riguarda le infezioni delle vie urinarie e i calcoli. Altre misure preventive possono concentrarsi sulla sterilizzazione di quei maschi e quelle femmine che soffrono di disturbi ormonali e non sono destinati alla riproduzione. 

Le sverminazioni di routine, i controlli regolari, le passeggiate frequenti e il rafforzamento dell’alimentazione sono fondamentali. Per scoprire come evitare problemi aiutando il tuo cane a mangiare correttamente, ti consigliamo di leggere questo articolo.

Non tutti i casi di ematuria sono uguali o della stessa intensità. Tuttavia, se noti sangue nelle urine del cane, se le alterazioni del colore, del modo in cui urina e della frequenza della minzione sono evidenti ad occhio nudo, è importante andare dal veterinario per prevenire sviluppi indesiderati o complicazioni.

Scopri il cibo migliore per il tuo cane

Inizia il test

Articoli che
potrebbero interessarti