Zanzare cani: punture e trasmissione di malattie - ADVANCE

Zanzare cani: punture e trasmissione di malattie

Arriva l'estate e con essa le temute zanzare. Oltre ad essere fastidiosi, questi piccoli insetti dall'aspetto innocuo possono causare seri problemi al tuo cane.

Se vuoi sapere cosa può causare una puntura di zanzara nei cani, continua a leggere: scoprirai quali malattie possono trasmettere e alcuni rimedi per evitarle.

 

L’ESTATE E LE ZANZARE

 

L'estate è una stagione meravigliosa. Per la maggior parte di noi è sinonimo di riposo e vacanze, ma anche un momento in cui dovremmo prendere alcune precauzioni. Dobbiamo proteggere soprattutto giovani, anziani, ma anche i nostri cani dal sole e dalle zanzare.

 

Il caldo è la condizione ideale per la riproduzione delle zanzare. Anche se può sembrare che quello che stanno cercando è il sangue dei mammiferi per nutrirsi, in realtà ciò di cui hanno bisogno sono le loro proteine per far crescere le uova con i loro piccoli. 

 

ZANZARE CANI: ECCO LE MALATTIE TRASMESSE DALLE LORO PUNTURE

 

Così come noi umani ci proteggiamo dalle punture di questi insetti, dobbiamo fare attenzione a proteggere anche i nostri cani. Le punture di zanzara - o flebotomi, che ricordano molto le zanzare in apparenza - sui cani possono trasmettere malattie come la leishmaniosi e la filaria. In altre parole, gli insetti fungono da vettore.

 

Leishmaniosi

Questa malattia è causata dal parassita Leishmania Infantum, di dimensioni microscopiche, che giunge al cane attraverso la puntura di un flebotomo (o pappatacio). Questo piccolo insetto - tra i 2 e i 3 millimetri - non è proprio una zanzara, ma ha un aspetto molto simile. È estremamente silenzioso e difficile da rilevare. È la femmina adulta che morde per ottenere il sangue ed è responsabile della trasmissione della malattia.

 

Quando prestare maggiore attenzione

 

I flebotomi compaiono tra i mesi di marzo e dicembre. Tuttavia, ci sono luoghi dove possono essere presenti tutto l'anno, a causa delle alte temperature. Sono più attivi nei mesi di giugno e settembre/ottobre. Il loro posto preferito nel mondo è il bacino del Mediterraneo e l'Europa meridionale in generale, anche se il cambiamento climatico sta favorendo la loro espansione verso altre zone. Tendono a pungere al tramonto e fino a mezzanotte e nei cani cercano le zone con pochi peli: l'interno delle orecchie, il naso, il ventre, le palpebre o le labbra.

 

Sintomi

 

La leishmaniosi è una malattia cronica grave che può essere curata, ma è impossibile eliminare completamente il parassita dal corpo del cane. Per questo motivo, le ricadute sono comuni. Ha un lungo periodo di incubazione - tra i 3 mesi e l'anno - e presenta più complicazioni in alcune razze - boxer, pastore tedesco, rottweiler e cocker. Se contrae la malattia, il tuo cane mostrerà i seguenti sintomi:

  • Una ferita o un'ulcera, causata dalla puntura, e che non guarisce.

  • Alopecia e pelle secca, soprattutto su muso e orecchie, secchezza e gonfiore della pelle del naso e dei cuscinetti. Inoltre, le sue unghie cresceranno in modo evidente.

  • Alcuni sintomi più gravi sono ghiandole gonfie, perdita di peso e di massa muscolare, anemia, zoppia... In casi estremamente gravi, la malattia può essere fatale.

Filaria

Questa malattia - Dirofilaria immitis - si trasmette grazie all'insetto vettore, Culex, Anopheles o Aedes, la specie di zanzara che può trasmettere malattie anche all'uomo. La filaria è conosciuta anche come tigna del cuore ed è un parassita che allo stadio adulto può raggiungere i 30 cm e alloggiare nelle arterie polmonari e nella parte destra del cuore. Le larve sono microscopiche e vivono nel sangue del cane.

Quando prestare maggiore attenzione

 

La malattia si trova nelle zone temperate, in particolare sono stati rilevati più casi nel centro-nord Italia, anche se è in continua espansione. Poiché il parassita è trasmesso dall'insetto portatore - che agisce solo come vettore, non viene contagiato lui stesso - si dovrebbero prevenire le punture di zanzara nei cani soprattutto nei periodi dell'anno in cui gli insetti sono più attivi, ovvero primavera ed estate.

 

Sintomi

 

I sintomi possono non manifestarsi per diversi anni e la gravità del filaria dipende dal numero di parassiti adulti che si sono insediati nel corpo dell'animale.

  • Possono comparire sintomi di malattie cardiache e respiratorie.

  • Il cane infetto è stanco, con poca tolleranza all'esercizio fisico, tosse, può sputare sangue, perdere peso, soffrire di sincopi...

Esiste un trattamento ma, per essere efficace, la malattia deve essere rilevata in tempo. In caso contrario, le conseguenze per i vasi polmonari e per il cuore saranno gravi; può anche essere letale.

 

ZANZARE CANI: COME PREVENIRNE LE PUNTURE

 

Che tu viva o meno nelle zone menzionate, prevenire è sempre meglio che curare. Puoi mettere in pratica le seguenti raccomandazioni:

  • Utilizza repellenti per zanzare e flebotomi. Ce n'è per tutti i gusti: fiale, collari, spray... Sceglie quello che più ti piace e... tieni lontani gli insetti!

  • Evita le passeggiate con il cane nei momenti di massima attività delle zanzare, la sera e al calar della notte. Evita anche di farlo dormire fuori di notte.

  • Installa zanzariere su porte e finestre, così eviti che pungano anche te.

  • Non lasciare materiale organico o rifiuti in giardino o in terrazza perché li attireranno.

  • Svuota l'acqua dai sottovasi dei fiori o da altri contenitori nel cortile e nel giardino, sono luoghi perfetti per la proliferazione delle zanzare.

  • Utilizza dei repellenti per la casa, come piastrine antizanzara, candele alla citronella o profumi come l'eucalipto. I repellenti non devono essere necessariamente industriali, basta usare rimedi adeguati.

Seguendo questi consigli, si possono prevenire le punture di zanzara nei cani che, come hai visto, possono portare a complicazioni legate a malattie gravi o talvolta fatali. Puoi discutere di altri metodi di prevenzione con il veterinario e scegliere insieme l'opzione migliore per il tuo cane. Per esempio,  per la leishmaniosi esiste un vaccino. Idealmente, dovresti seguire attentamente le raccomandazioni del tuo veterinario in materia di sverminazione, in modo da non correre nessun rischio.

Scopri il cibo migliore per il tuo cane

Inizia il test

Articoli che
potrebbero interessarti