Il gatto e il suo territorio | Advance

EL GATTO E IL SUO TERRITORIO

Come sicuramente saprai già se dividi la tua vita con un gatto, i felini sono animali estremamente territoriali e abitudinari: avranno zone ben delimitate per mangiare, dormire e così via e difficilmente le oltrepasseranno. Di fatto, un cambiamento di territorio o del luogo di residenza può provocare al gatto un forte stress. Conoscendo come funziona la distribuzione del territorio nei gatti, potremo evitare problemi e aiutare i nostri amici a essere più felici.

TRE TIPI DI TERRITORIO

Secondo la mentalità del gatto, il territorio si suddivide in tre tipologie

CAMPO DE
ISOLAMENTO

È la zona in cui il tuo gatto si sente comodo e al sicuro, che destina al riposo e dove si ritira per stare tranquillo. È opportuno che all’interno di questa zona disponga di uno spazio in cui rifugiarsi, non accessibile alle persone o ad altri animali.

CAMPO DI
ATTIVITÀ

Sono gli ambienti della casa che il tuo gatto riserva al gioco, alla caccia e alla condivisione con persone e altri animali. In questo spazio dovrai collocare zone differenziate per la pulizia, il cibo e l’acqua.

CAMPO DI
AGGRESSIONE

È l’estensione del territorio che il gatto difende, anche se non vi trascorre la maggior parte del tempo. Può essere ad esempio il giardino della casa, la terrazza o le zone circostanti.

Se tieni conto di queste esigenze territoriali nella distribuzione della tua casa, riuscirai a far sentire il tuo gatto completamente a suo agio.

Un cambiamento di territorio o del luogo di residenza del gatto può provocargli un forte stress.

LA RELAZIONE CON IL
TERRITORIO

I gatti stabiliscono un vincolo affettivo con lo spazio in cui vivono, perciò lo marcano per organizzarlo, orientarsi e informare gli altri animali.

Anche se invisibili alla vista e impercettibili all’olfatto, la tua casa sarà sicuramente carica di segni olfattivi (che il gatto lascia sfregando il mento, la testa, i fianchi....) e visivi (come i graffi) con cui il tuo gatto marca le sue zone. Altre marcature potrebbero essere più evidenti, come ad esempio l’orina. Per evitarle, sterilizza il tuo gatto o la tua gatta.

È normale che qualsiasi cambiamento, come l’arrivo di un nuovo membro della famiglia, induca il gatto a lasciare più segni, ma solitamente si tratta di un comportamento passeggero e, se i suoi spazi vengono rispettati, in pochi giorni tornerà alla normalità.

Articoli che
potrebbero interessarti