Il gatto e gli effetti allucinogeni della nepeta cataria (l'erba gatta)


Il gatto e gli effetti allucinogeni della nepeta cataria (l'erba gatta)

I gatti tendono a mostrare uno strano interesse per una pianta con piccoli fiori bianchi dai puntini color porpora che cresce spontaneamente in giardini e terrapieni. La odorano, la leccano, la mordono, scuotono la testa, si strusciano sulle foglie e, mentre sale lo stato di eccitazione, iniziano a produrre saliva e avere piccoli spasmi sul dorso. Passano i minuti e il gatto può saltare, cacciare gatti immaginari, mostrare segni di eccitazione sessuale e afferrare la pianta con le due zampe anteriori mentre si butta a terra sul dorso e colpisce con le zampe posteriori. Sembra che il gatto abbia delle allucinazioni visive e acustiche, ma in ogni momento dà la sensazione di star provando un estremo piacere. Dopo 5-15 minuti, l'effetto svanisce e il gatto inizia una sessione di pulizia, si allontana dalla pianta o si stende di lato. Ritorna a strofinarsi contro le foglie della pianta dopo almeno un'ora. ¿Di che pianta si tratta?

La pianta responsabile di questa risposta nei gatti è la Nepeta cataria, chiamata anche erba gatta, gattaia, gattaria, erba gattaria o menta dei gatti (a causa del forte odore di menta), oppure catnip in inglese. Tuttavia, non si tratta dell'unica pianta con queste proprietà: la valeriana (Valeriana oficinalis), il matatabi (Actinidia polygama) e il timo gatto (Teucrium marum) sono alcune delle piante che possono produrre risposte simili a quelle della nepeta, ma in genere di minore intensità.

Questa risposta è tipica dei gatti e di alcuni altri membri della famiglia dei felini. Tuttavia, non tutti i gatti reagiscono alla nepeta: il 30-50% della popolazione felina è totalmente insensibile. La sensibilità alla Nepeta cataria, in parte, si eredita geneticamente e dipende da un gene autosomico dominante e varia con il sesso, l'età e lo stato emotivo del gatto. Sia i maschi che le femmine, sterilizzati o meno, possono mostrare gli effetti di questa pianta, ma la risposta è in genere più marcata nelle femmine. Gli animali con meno di 2 mesi di vita non mostrano una risposta di eccitazione in presenza della nepeta e si è notato un effetto rilassante nei gattini con meno di 6 mesi di età. Questo implica che per sapere se il gatto è sensibile all'effetto allucinogeno della nepeta, è preferibile attendere che abbia alcuni mesi di età. I gatti spaventati, doloranti, trasferiti in un ambiente estraneo o che hanno perso temporaneamente o permanentemente l'olfatto possono mostrare una scarsa risposta alla nepeta o non mostrare alcuna reazione.

I gatti cercano attivamente la nepeta e tornano giorno dopo giorno a strofinarsi sulle sue foglie. Fino a questo momento non sono stati descritti effetti collaterali né danni permanenti nei gatti esposti alla nepeta per periodi di tempo prolungati. L'effetto piacevole di questa pianta insieme alla sua innocuità trasforma la nepeta in uno strumento ideale per arricchire l'ambiente di vita dei gatti. L'aumento della frequenza di gioco che si osserva nei gatti che hanno a disposizione la nepeta suggerisce che questi animali provano un miglioramento nel loro livello di benessere. Un animale che gioca è un animale che sta fisicamente e mentalmente bene. Si può quindi mettere una pianta di erba gatta nel giardino di casa o dare al gatto giocattoli che contengono foglie secche della pianta o che sono stati strofinati con spray alla nepeta. L'unico inconveniente di questo tipo di arricchimento ambientale è la sua inefficacia nel caso in cui il gatto appartenga a quella parte di popolazione felina insensibile alla nepeta.