Viaggiare con il nostro gatto


Viaggiare con il nostro gatto

I gatti, a causa della loro sensibilità ai cambiamenti ambientali, spesso preferiscono mantenere il controllo del proprio territorio invece di viaggiare. È per questo motivo che, se non dobbiamo rimanere molto tempo fuori, è forse opportuno lasciarlo a casa e chiedere a qualcuno di controllare che tutto sia in ordine ogni 2 o 3 giorni.

Se, per qualche motivo, è invece necessario viaggiare col gatto, sarebbe consigliabile spostarsi sempre con un mezzo proprio, in modo da avere un maggiore controllo della situazione. Ad ogni modo, se desideriamo portare con noi il gatto, dovremo abituarlo a viaggiare in auto.

Nel caso in cui dovessimo utilizzare un altro mezzo di trasporto, come l'aereo, le condizioni di viaggio cambierebbero radicalmente. Innanzi tutto, alcune compagnie aeree non consentono di portare animali in cabina e quindi non staremo vicini al nostro gatto. In questo caso, e sempre in accordo con il nostro veterinario, potrebbe essere opportuno somministrargli qualche tipo di sedativo per facilitargli il viaggio.

La cosa più importante è utilizzare una gabbia o una cesta speciale per gatti al fine di proteggerlo da possibili colpi e allo stesso tempo poterlo controllare. Questa dovrà essere la più ampia possibile per consentirgli di stare comodo e non sentirsi troppo costretto. In ogni caso, conviene che l'animale familiarizzi con la sua gabbia prima di viaggiare. Questo è possibile posizionandolo, preventivamente, vicino alla stessa o inserendo la coperta che usa abitualmente al suo interno affinché si senta come a casa.
 

Indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato, prima di partire va presa in considerazione una serie di cose. In primo luogo, dovremo portare con noi i corrispondenti certificati veterinari che ne attestano lo stato di salute e la regolarità delle vaccinazioni antirabbiche, soprattutto nei viaggi internazionali. Allo stesso modo, è opportuno identificare bene l'animale: oltre al corrispondente chip identificativo, bisogna contrassegnare anche il suo trasportino con un'etichetta ben visibile su cui siano riportati i nostri dati di contatto. Si consiglia di non dare niente da mangiare al gatto tre ore prima della partenza e assicurarci che una volta arrivati a destinazione sia possibile offrirgli il suo alimento abituale. Infine, non bisogna dimenticare di accertarsi preventivamente che il luogo in cui alloggeremo accetti animali.

Una volta prese queste precauzioni, non resta altro che godersi il viaggio. ¡Buon viaggio a voi e al vostro gatto!