Alternative alla chirurgia veterinaria nell'osteoartrite

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Alternative alla chirurgia veterinaria nell'osteoartrite

In clinica ci troviamo a curare cani anziani, di età superiore ai 10 anni che presentano osteoartrite grave, con perdita di massa muscolare e molteplici patologie concomitanti. Per migliorare la mobilità, la chirurgia non è sempre l'unica opzione. Quali alternative abbiamo?

Medicina e cura

Osteoartrite canina→ Scarica la guida gratuita sulla malattia articolare degenerativa e scopri gli strumenti per la prevenzione e il trattamento

Nell'osteoartrite, prima si interviene e meglio è

L'osteoartrite (OA), nota anche come malattia degenerativa delle articolazioni, o artrosi, è una malattia cronica, molto dolorosa, degenerativa e infiammatoria che colpisce le articolazioni sinoviali e finisce per causare la perdita di mobilità. È molto comune nei cani di età avanzata e ancora non ha una cura definitiva. Il trattamento può avvenire tramite chirurgia veterinaria , ma esistono altre alternative. Può derivare da instabilità, infiammazione cronica, incongruenza o da un processo patologico che produce cellule patologiche nell'articolazione.

Nel cane spesso ha origine da un'usura meccanica che può avere svariate cause. Inizia un'alterazione fisica della superficie della cartilagine, che a sua volta provocherà l'insorgenza di alterazioni biochimiche che interesseranno l'intera articolazione, degradando i tessuti articolari. L'approccio terapeutico mira a migliorare la qualità della vita del cane, eliminando o riducendo il dolore e l'infiammazione nella misura in cui si riacquista mobilità. Considerando che la malattia è degenerativa e progressiva, è consigliabile iniziare il trattamento il prima possibile.

Trattamento conservativo per migliorare la mobilità dei cani: chirurgia veterinaria o trattamento non chirurgico

Il trattamento dell'osteoartrite può essere chirurgico o evitando la chirurgia veterinaria. Tuttavia, il trattamento non chirurgico dovrebbe essere la prima scelta, poiché in molti casi ha successo. Qualsiasi trattamento deve essere affrontato dal punto di vista integrale dei componenti dell'articolazione: cartilagine, osso e capsula sinoviale.

Trattamento medico conservativo:

  • Uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), per ridurre l'infiammazione e alleviare il dolore sintomatico, che inibiscono la via infiammatoria della cicloossigenasi (COX I e COX II); gli inibitori selettivi della COX II (ad esempio il carprofene) saranno la scelta primaria per il trattamento a lungo termine, in quanto presentano meno effetti collaterali gastrointestinali e maggiori benefici clinici. Prestare attenzione agli effetti indesiderati gastrointestinali.
  • Diminuzione del dolore con gli analgesici. Il paracetamolo o il tramadolo sono tra i più utilizzati in medicina veterinaria.
  • Limitazione dell'assunzione alimentare per diminuire l'insorgenza e la progressione dell'OA. Nei cani in sovrappeso, la riduzione del peso come unico trattamento ha dimostrato di poter alleviare il dolore e migliorare la funzione degli arti con dolore articolare da OA. Per questi pazienti sono consigliate passeggiate giornaliere al guinzaglio. L'esercizio fisico regolare e a breve termine (nuoto, camminata) è ideale per promuovere la salute fisica e il controllo del peso del cane. Come risultato, gli arti sopporteranno uno stress minore, facilitando la mobilità articolare, la quale a propria volta è necessaria per migliorare il sano rivestimento sinoviale e cartilagineo, contribuendo al tempo stesso a mantenere il peso corporeo e a invertire l'atrofia muscolare sviluppatasi.

Webinar "Iter decisionale nel trattamento delle fratture delle ossa lunghe".  - Dott. Luca Vezzoni

Trattamento nutrizionale:

Un buon approccio nutrizionale può contribuire a ridurre il carico farmacologico dell'OA e gli effetti negativi che ne derivano.

  • Le prove esistenti dimostrano che la somministrazione di diete con elevate quantità di acidi grassi omega-3 (AG n-3) è efficace nella gestione dell'OA. Si tratta di integratori ampiamente utilizzati nella medicina umana, che hanno esibito prove anche nella medicina veterinaria. Un elevato apporto di AG n-3 serve a spostare la biosintesi degli eicosanoidi derivati dagli acidi grassi omega-6, che hanno natura vasoattiva e pro-infiammatoria, promuovendo gli eicosanoidi derivati dalla serie n-3, con caratteristiche molto meno pro-infiammatorie.
  • Uso di condroprotettori: la combinazione di glucosamina e condroitina solfato stimola il metabolismo della cartilagine, inibendone la degradazione e riducendo i sintomi clinici, sia in pazienti con OA che in condizioni post-chirurgiaa veterinaria.
  • L'acido ialuronico somministrato per via orale viene assorbito nell'intestino e depositato nelle articolazioni. La sua integrazione migliora significativamente la qualità della vita dei pazienti con sintomi di OA.
  • L'assunzione di vitamina K previene la perdita di massa ossea, il rischio di fratture e l'incidenza dell’osteoartrite attraverso l'aumento della mineralizzazione ossea, la formazione di ossa/cartilagini e l'inibizione della calcificazione della cartilagine.

Con la dieta è possibile combinare nutrienti mirati a modificare le diverse strutture articolari (osso, cartilagine, membrana sinoviale) affette da OA e modificare le vie biochimiche patologiche (antinfiammatorie, antiossidanti) per rallentare la progressione della malattia e alleviare i segni clinici.

Nuevo llamado a la acción

Vets & Clinics

Spazio di riferimento per i veterinari