Cibi vietati ai gatti e conseguenze associate | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Cibi vietati ai gatti e conseguenze associate

I gatti domestici provengono dai piccoli felini selvatici, Felis silvestris, che sono tra noi da circa 10.000 anni. Tuttavia, questa antica storia di amicizia non ha eliminato i loro istinti predatori, né il loro fisiologico adattamento a una dieta prevalentemente carnivora. Per questo motivo, gli alimenti umani, il cibo casalingo o gli avanzi non sono adatti ai gatti, in quanto non forniscono le sostanze nutritive di cui hanno bisogno e possono avere effetti negativi su di loro sia a breve che a lungo termine.

Nutrizione e malattie

Le origini del gatto e la sua dieta

Per questo motivo, offrire una dieta appositamente formulata per i gatti, equilibrata e rispettosa della loro natura è la chiave fondamentale per mantenerli in salute.

Research Report: Obesità e sovrappeso nei gatti → Scarica gratis il report. Include: Rapporto tra obesità, fattori di rischio per l'obesità felina ...e  moltro altro!

Gli cibi vietati ai gatti

Oltre a una dieta equilibrata, ci sono una serie di alimenti che sono particolarmente dannosi per i gatti e che sono da evitare:

  • Carne o pesce crudi: anche se i gatti sono in grado di digerire ed estrarre le sostanze nutritive da alimenti animali crudi, dovremmo evitare che i gatti domestici li assumano perché possono acquisire pericolosi parassiti. La carne cruda può essere infestata da Toxoplasma (mangiare carne cruda è l'unica via di contagio per il gatto) e il pesce può essere portatore di Anisakis.
  • Latte: il latte è stato tradizionalmente considerato un alimento adatto ai gatti. Tuttavia, una volta svezzato il gattino, il suo corpo riduce la sintesi dell'enzima lattasi  l che gli permette di digerire i latticini. Per questo motivo, un gatto che ingerisce il latte può soffrire di diarrea, vomito e altri problemi digestivi.
  • Ossa e lische: le ossa piccole, soprattutto quelle degli uccelli, si scheggiano facilmente e possono provocare ferite, lacerazioni e ulcere nell'esofago e nell'intestino dei gatti, proprio come le lische dei pesci.
  • Cioccolato: il cacao contiene teobromina, una sostanza che la maggior parte degli animali, compresi cani e gatti, elimina molto lentamente e per i quali è tossica. Può causare tachicardia, diarrea, vomito, insufficienza agli organi e persino coma e morte in caso di assunzione molto elevata.

Consulta GRATUITAMENTE il poster di valutazione delle condizioni fisiche per  stabilire la condizione ideale di ogni cane

  • Alcol: come nel caso di cui sopra, la maggior parte degli animali, compreso il gatto, non è in grado di metabolizzare l'alcol. Le bevande alcoliche e altri alimenti fermentati sono molto tossici per loro e possono facilmente causarne la morte.
  • Salsicce, carne e pesce in scatola per consumo umano e altri alimenti salati: i gatti hanno un sistema renale molto delicato e non gestiscono bene l'eccesso di sale. Possono soffrire di ipertensione, danni ai reni e altri problemi sistemici.
  • Salumi, pancetta, burro e altri alimenti grassi: la dieta del gatto dovrebbe essere molto ricca di proteine, ma molto povera di lipidi. I grassi sono cibi vietati ai gatti, in particolare quelli saturi, poiché possono provocare pancreatite.
  • Dolci e prodotti zuccherini: lo zucchero e altri dolcificanti sono alimenti dannosi per il gatto, in quanto il suo metabolismo non è preparato per assimilarli. Inoltre, nemmeno il palato del gatto è adatto a questi alimenti, perché non avverte il gusto dolce.

Evitare questi cibi vietati ai gatti è fondamentale per la buona salute dell'animale. Un alimento per gatti appositamente formulato farà sì che l'animale riceva tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno in modo gustoso e soddisfacente. Prendersi cura della dieta del proprio animale è il modo migliore per prevenire le malattie.

Nuevo llamado a la acción

Vets & Clinics

Spazio di riferimento per i veterinari