Congiuntivite nei cani. Valutazione virologica | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SIAMOVETS

Congiuntivite nei cani. Valutazione virologica

La congiuntivite nei cani è una condizione oculare caratterizzata dall'infiammazione della mucosa che riveste l'interno delle palpebre. Tra i sintomi più frequenti di congiuntivite nei cani troviamo la difficoltà ad aprire gli occhi, il rifiuto della luce e l'eccessiva lacrimazione, nonché la secrezione purulenta di colore giallo o verdastro nei casi più gravi (e la comparsa del virus del cimurro canino).

Medicina e cura

La congiuntivite nei cani è una condizione oculare caratterizzata dall'infiammazione della mucosa che riveste l'interno delle palpebre. Tra i sintomi più frequenti di congiuntivite nei cani troviamo la difficoltà ad aprire gli occhi, il rifiuto della luce e l'eccessiva lacrimazione, nonché la secrezione purulenta di colore giallo o verdastro nei casi più gravi (e la comparsa del virus del cimurro canino).

Oltre ai vaccini obbligatori: In che modo l'alimentazione può contribuire  all'immunità del cucciolo? [Scarica la guida gratis]

Cause

La congiuntivite nei cani può essere un problema oculare locale o un sintomo di infezione sistemica.

Tra le principali cause di congiuntivite canina possiamo trovare:

  • Cause infettive: batterica o virale. La congiuntivite virale è contagiosa ed è solitamente causata da diversi tipi di virus. I sintomi possono durare fino a 3 settimane prima di ottenere qualsiasi miglioramento. La congiuntivite batterica è estremamente contagiosa, spesso dovuta ad altri motivi, quali occhio secco o accumulo di batteri negli occhi, come lo streptococco o lo stafilococco.
  • Congiuntivite neonatale: spesso associata a un'infezione batterica o virale.
  • Autoimmune:
    • Allergia: Non è contagiosa e di solito si presenta tramite una reazione allergica stagionale, il contatto con svariati prodotti, compresi gli alimenti.
    • Congiuntivite follicolare: Non è contagiosa e dipende dalla formazione di follicoli linfoidi nella congiuntiva
    • Da cellule plasmatiche.
  • Tumori: è una causa rara.
  • Occhio secco: cheratocongiuntivite secca.
  • Traumi, irritazione da prodotti chimici, ecc.
  • Secondaria ad altre patologie oculari: Cheratite ulcerosa, uveite anteriore, glaucoma, ecc.

Al fine di determinare la frequenza dei virus nei cani affetti da congiuntivite, è stato condotto uno studio (1) in cui sono stati confrontati campioni congiuntivali di cani con congiuntivite idiopatica di acquisizione naturale e di cani appartenenti al gruppo di controllo senza patologia oculare.

A tal fine è stato eseguito un esame fisico e oftalmologico completo nei 60 cani inseriti nello studio. Sono stati analizzati campioni di essudato congiuntivale mediante isolamento del virus e tecniche di PCR per adenovirus canino-2 (CAV-2), virus del cimurro canino, virus dell'herpes canino di tipo 1 (HCV-1), virus della parainfluenza, coronavirus respiratorio canino, virus dell'influenza A e virus West Nile.

È stato riscontrato che, con una qualsiasi delle tecniche applicate, l'individuazione del virus nel campione di cani con patologia oculare era più frequente. Per quanto riguarda la tipologia dei virus, i più comuni sono stati HCV-1 e CAV-2. Esiste inoltre un'associazione positiva tra la rilevazione virale e i cani vergini e la maggiore esposizione all'esterno.

Congiuntivite nei cani: trattamento

Il trattamento della congiuntivite canina dipende dalla causa. Tuttavia, per il trattamento dell'occhio infetto è necessario effettuare una pulizia con l'uso di lacrime artificiali o siero fisiologico (nei casi di cheratocongiuntivite secca) e verificare la presenza di corpi estranei. L'applicazione di gocce oculari deve essere prescritta dal medico. In caso di ulcerazione, questa può essere determinata con il test della fluoresceina, che consente di stabilire un trattamento specifico.

(1). Ledbetter EC, Hornbuckle WE, Dubovi EJ.Evaluación virológica de perros con conjuntivitis idiopática adquirida de forma natural. J Am Vet Med Assoc. 2009 Oct 15;235(8):954-9

Nuevo llamado a la acción