Diarrea nei cani: quando usare gli antibiotici e quando non farlo? | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Diarrea nei cani: quando usare gli antibiotici e quando non farlo?

La diarrea nei cani è spesso motivo di controllo dal veterinario. La cura può essere diversa a seconda dell'eziologia. In questo post parleremo dell'uso degli antibiotici in caso di diarrea nei cani.

Medicina e cura

La diarrea nei cani è un sintomo molto frequente nella maggior parte delle malattie gastrointestinali. Il tipo di cura da intraprendere varia in funzione dell'eziologia di ogni singolo caso e l'uso di antibiotici in caso di diarrea nei cani prevede indicazioni specifiche. Vediamo ogni singolo caso.

Vuoi sapere di più sulla diarrea nei cani? [Guida PDF gratuita] → Funzionamento e struttura del sistema gastrointestinale.

Diarrea nei cani: le enteropatie infiammatorie croniche

Tra le varie tipologie di diarrea nei cani troviamo le enteropatie infiammatorie croniche: rientrano in questo gruppo la sensibilità alimentare, la diarrea antibiotico-responsiva (ARD in inglese) e le malattie infiammatorie intestinali (IBD in inglese). Si ritiene che abbiano una base comune, ovvero lo squilibrio tra il sistema immunitario e la flora intestinale. Vengono in effetti considerate come manifestazioni diverse di uno stesso processo. 

La causa della diarrea nei cani più frequente in maniera cronica sono le malattie infiammatorie intestinali, ossia un'infiammazione della mucosa intestinale a eziologia indefinita. Oltre alla diarrea, nei cani provoca vomito, perdita di peso o sangue nelle feci. Trattandosi di una patologia a causa indefinita, si giunge alla diagnosi scartando altre malattie, sia metaboliche che infettive.

Alla fine la diagnosi si basa sul dimostrare la presenza dell'infiammazione tramite una biopsia intestinale. La biopsia serve inoltre per classificarla in sottotipi, a seconda delle cellule infiammatorie predominanti: enterite linfoplasmocitaria, colite linfoplasmocitaria, gastroenterite eosinofila, colite eosinofila, granulomi eosinofili, sindrome ipereosinofila, colite istiocitaria, colite granulomatosa, enterocolite granulomatosa transparietale e colite suppurativa.  

Webinar "Trattamento delle enteropatie croniche del cane senza  antibiotici: si può (e si deve)."- Dott. Tommaso Furlanello

Trattamento della diarrea nei cani

Esistono trattamenti diversi per ciascun tipo di enteropatia infiammatoria. In caso di sensibilità alimentare, una dieta di esclusione migliorerà la diarrea. In caso di ARD, il trattamento prevede l'assunzione di antibiotici, mentre nelle IBD sono necessari gli immunosoppressori. Il problema sono gli effetti secondari che potrebbero scatenare questi farmaci. Per cercare di ridurre le dosi di farmaci, si consiglia di somministrare una dieta specifica che migliori il controllo della malattia.  

L'uso degli antibiotici nella diarrea nei cani

Concentriamoci ora sull'ARD. Il problema è causato da un'eccessiva crescita batterica nella parte anteriore dell'intestino. Si tratta di batteri non patogeni, ma che causano una disfunzione intestinale. Potrebbe essere che tali batteri diano inizio o facciano proseguire l'infiammazione intestinale che determina le IBD. Come trattamento si usa l'antibioticoterapia empirica ad ampio spettro, dal momento che la popolazione batterica cambia di settimana in settimana.

L'obiettivo consiste nel ridurre il numero di batteri, poiché è impossibile sterilizzare completamente il tubo digerente. Si consiglia di non utilizzare amminoglicosidi, vista la presenza di batteri anaerobi. Negli animali gravi, nei quali è necessario un effetto rapido, è possibile usare enrofloxacina e metronidazolo in associazione. Per migliorare l'efficacia del trattamento è importante seguire una dieta di eliminazione di alta qualità.

Nuevo llamado a la acción

Bibliografia:
1. Michael D. Willard. Infecciones gastrointestinales en perros y gatos. Uso de antibióticos para procesos digestivos. Presentato all'AMVAC 2016, svoltasi dal 3 al 5 marzo 2016 a Madrid, Spagna. Libro de ponencias y comunicaciones de AMVAC 2016, pagg. 71-76.