Dolore alla testa del femore e crepitii: sintomi della necrosi asettica | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Dolore alla testa del femore e crepitii: sintomi della necrosi asettica

La necrosi asettica della testa del femore è una malattia comune nei cani di piccola taglia, che insorge a causa della mancanza di irrorazione sanguigna nella zona dell’articolazione dell’anca. Si presenta sotto forma di zoppia improvvisa, dolore alla testa del femore e crepitio dell’articolazione dell’anca.

Medicina e cura

Nella fase iniziale della malattia è possibile immobilizzare l’arto interessato per promuovere la rigenerazione della testa del femore, ma in caso di stadio avanzato si deve ricorrere all’intervento chirurgico per rimuovere il tessuto necrotico. La necrosi asettica della testa del femore, nota anche come malattia di Legg-Calvé-Perthes, è una patologia non infiammatoria della testa e del collo del femore che influisce sullo sviluppo del femore nell’articolazione dell'anca. È dovuta ad un problema di irrorazione sanguigna nella zona, che limita l'arrivo di sostanze nutritive al tessuto osseo, causando necrosi cellulare e rapida usura di quella parte dell'osso.

Osteoartrite canina→ Scarica la guida gratuita sulla malattia articolare degenerativa e scopri gli strumenti per la prevenzione e il trattamento

Questo tipo di necrosi si manifesta durante il primo anno di vita, solitamente tra i quattro e gli undici mesi di età, quando la vascolarizzazione dell'epifisi femorale è ancora in fase di sviluppo ed è molto vulnerabile. La malattia è più comune nelle razze di taglia piccola. come Yorkshire, barboncino, Chihuahua, Pincher, Fox Terrier e Australian Silky Terrier

Cosa causa la necrosi asettica della testa del femore?

Non si sa con certezza quale sia la causa della necrosi asettica. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che la malattia si verifica a causa della mancanza di irrorazione sanguigna nell'articolazione, a livello della testa e del collo del femore, che può essere causata da vari fattori:

  1. Fattori traumatici. Subire vari traumi, come quelli causati dall'esercizio fisico ripetuto, nella zona dell'articolazione dell'anca può causare fissurazioni o influire sul corretto afflusso di sangue nell'area.
  2. Fattori endocrini. Un elevato livello di estrogeni o testosterone può causare la chiusura prematura della placca epifisaria prossimale del femore e influire sulla circolazione del sangue nella zona.
  3. Fattori metabolici. Una dieta ricca di fibre in giovane età può causare uno squilibrio metabolico e una carenza nell'assorbimento del calcio, che può indebolire il tessuto osseo della testa e del collo del femore, nonché una corretta irrorazione delle articolazioni.

Webinar "Iter decisionale nel trattamento delle fratture delle ossa lunghe".  - Dott. Luca Vezzoni

I sintomi della necrosi asettica della testa del femore nei cani

Il primo sintomo della necrosi asettica della testa femorale è solitamente l'improvvisa comparsa di zoppia, di solito in un singolo arto, poiché solo il 10-15% dei casi di necrosi asettica della testa femorale sono bilaterali. Questa zoppia evolve gradualmente, appare a intermittenza e diventa sempre più frequente, ma di solito si intensifica e si traduce in una completa incapacità di sostenere il peso del corpo.

Altri sintomi tipici sono l'improvvisa insorgenza di dolore alla testa del femore, così come un crepitio, una sorta di scricchiolio che si sente ogni volta che l'articolazione viene forzata. In alcuni casi si nota anche un apparente accorciamento dell'arto interessato, che può arrivare fino a 2 centimetri di differenza rispetto all’altro.

Alcuni animali mostrano anche evidente irritabilità, nonché perdita o diminuzione dell'appetito. In casi specifici può verificarsi anche l'automutilazione della pelle che copre l'anca colpita, a causa di un tentativo del cane di alleviare il dolore che prova.

Scarica e ricevi GRATUITAMENTE in clinica una copia del poster delle misure  morfometriche per il controllo del peso nel cane da utilizzare come strumento  in clinica

Soluzioni per la necrosi asettica della testa del femore

Quando si sospetta che il cane soffra di necrosi asettica della testa del femore, viene eseguito un controllo clinico generale per valutare la gravità dei sintomi. Viene poi effettuato uno studio radiologico per confermare la diagnosi con una radiografia laterale e dorsale con gli arti estesi per osservare lo stato della testa del femore.

Nelle prime fasi della malattia, una zona radiotrasparente si osserva generalmente nell'area articolare a causa del tessuto interessato. Con il progredire della malattia, si può notare un appiattimento o un'irregolarità anche nella testa e nel collo del femore. In alcuni casi la testa del femore può essere frammentata e il collo femorale accorciato.

Se la malattia è ancora in una fase iniziale, è possibile immobilizzare l'arto colpito con una fasciatura di tipo Ehmer per evitare che il cane lo appoggi e proteggere la cartilagine articolare. In questo caso, si raccomanda di tenere l'animale a riposo, impedendogli di saltare o di fare esercizi intensivi.

Quando si rimuove il bendaggio, dopo 4 o 6 settimane, si raccomanda di completare il trattamento con fisioterapia, nuotando o con leggeri massaggi all'arto interessato per ridurre il rischio di atrofia muscolare e favorire la mobilità dell'arto senza causare un sovraccarico. In questi casi la prognosi è solitamente favorevole e, una volta che il tessuto della testa e del collo del femore si rigenera, il cane può condurre una vita normale.

L'intervento chirurgico è consigliato quando la malattia è in fase avanzata. Il trattamento chirurgico consiste in un'ostectomia su testa, collo del femore e articolazione per rimuovere il tessuto necrotico e riempire lo spazio articolare con tessuto fibroso. Dopo l'intervento, l'animale deve stare a riposo per una settimana. È quindi possibile aumentare gradualmente l'attività fisica per mantenere l'anca in movimento.

L'esito dell'intervento dipenderà dalla gravità della malattia e dal danno alla testa e al collo del femore. Uno studio(1) condotto presso l'Università di Utrecht ha rivelato che, se il danno non è molto grave, l'evoluzione del cane è generalmente favorevole, anche se a volte può presentarsi una leggera zoppia intermittente che di solito scompare con il tempo. Dopo il recupero e la riabilitazione, i cani possono condurre una vita completamente normale.

Nuevo llamado a la acción

Riferimenti bibliografici:

  1. Piek, C. et. Al. (1996) Long-term follow-up of avascular necrosis of the femoral head in the dog. The Journal of Small Animal Practice; 37(1):12-8.

Vets & Clinics

Spazio di riferimento per i veterinari