Polidipsia: cause più frequenti nei cani e nei gatti | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Polidipsia: cause più frequenti nei cani e nei gatti

La polidipsia è l’aumento dell’assunzione di liquidi. Ha svariate cause molto diverse tra loro. In questo post spieghiamo le più frequenti. La sindrome di poliuria-polidipsia compare in varie malattie di cani e gatti. Consiste in un aumento della sete, con conseguente aumento dell'assunzione e dell'escrezione di liquidi (poliuria). Quando un cane ha la polidipsia è importante che venga visitato da un veterinario, per escludere cause potenzialmente gravi.

Medicina e cura

Scarica GRATIS la guida Il tuo portafoglio gode di buona salute? Impara a  interpretare il conto economico di un centro veterinario.

Cause della polidipsia

Tra le cause principali di polidipsia troviamo:

  • Diabete mellito: la carenza di insulina porta all'iperglicemia, che a sua volta è responsabile della glicosuria e della conseguente diuresi osmotica.
  • Iperadrenocorticismo (sindrome di Cushing): I glucocorticoidi possono inibire il rilascio di vasopressina. Possono anche antagonizzarne l'azione.
  • Ipadrenocorticismo: A causa della perdita di sodio che si verifica, vi è una diminuzione dell'ipertonicità midollare.
  • Ipertiroidismo: gli ormoni tiroidei hanno un effetto diuretico che causa un aumento del flusso renale e una diminuzione dell'ipertonicità midollare.
  • La fase finale dell'insufficienza renale acuta:  A causa della ritenzione di soluti durante la fase oligurica, si verifica una diuresi osmotica
  • Insufficienza renale cronica (qui maggiori informazioni): Quando si ha una marcata diminuzione del numero di nefroni funzionanti c'è un sovraccarico di soluti nei nefroni rimanenti, che causa una diuresi osmotica.
  • Pielonefrite: Si verificano un aumento del flusso renale e una diminuzione dell'ipertonicità midollare. Inoltre, può intervenire anche la distruzione tubulare ad opera di batteri.

Guida Gastrointestinale

Diagnosi

Il primo passo nella diagnosi della polidipsia consiste nell’escludere una causa iatrogena a partire dall'anamnesi clinica. Una volta escluso questo punto, nel caso dei felini è necessario effettuare un'analisi biochimica e dell'emocromo, un'analisi delle urine e una determinazione dell'ormone tiroideo T4. Se, nonostante questi test aggiuntivi, non c’è ancora una diagnosi eziologica, è necessario ampliare la batteria di esami con:

  •   Un’ecografia addominale
  •   Un esame della funzione surrenale
  •   Il test di stimolazione degli acidi biliari
  •   Un’urinocultura
  •   Misurazione del GFR (tasso di filtrazione glomerulare)

Se dopo tutto ciò non è stato ancora possibile formulare una diagnosi, ci troviamo di fronte a due sole possibilità: Diabete (maggiori informazioni qui) insipido centrale: È l'incapacità totale o parziale di produrre o rilasciare desmopressina. Dovremo eseguire test avanzati di diagnostica neurologica per immagini e valutare la risposta alla desmopressina Polidipsia primaria: deve essere eseguito un test di privazione dell'acqua

Polidipsia primaria

Si tratta di una patologia molto rara, in cui l'assunzione compulsiva di acqua provoca poliuria compensatoria. In generale colpisce i cani, soprattutto le femmine molto nervose o stressate. L'unico problema che causa la polidipsia primaria sono i disturbi cagionati ai proprietari se il cane vive in casa. Il trattamento della polidipsia primaria consiste in una graduale restrizione dell'acqua e soprattutto nell'azione sul fattore scatenante, che di solito è lo stress. Se il cane vive all'aperto, non c'è bisogno di alcun tipo di trattamento.  

Gastro Feline

Vets & Clinics

Spazio di riferimento per i veterinari