Tigna nei gatti: difficoltà diagnostiche nella dermatofitosi | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Tigna nei gatti: difficoltà diagnostiche nella dermatofitosi

La dermatofitosi o tigna nei gatti è una malattia molto contagiosa che, sebbene sia nota da molto tempo, è difficile da individuare e trattare. 

La dermatofitosi nei gatti è un'infezione micotica che colpisce la pelle. Conosciuta comunemente come tigna, è causata dalle specie del genere Microsporum, Trichophyton ed Epidermophyton. 

Medicina e cura

Aspetti generali della dermatofitosi nei gatti

La prevalenza della malattia nei gatti è molto variabile, a seconda dell'area geografica, ed è stimata variare tra il 5% e il 50% a livello mondiale. Si tratta di una zoonosi di interesse sanitario pubblico che può trasmettersi dai loro gatti ai loro padroni. La dermatofitosi nei gatti è molto contagiosa e ha anche una capacità infettiva molto elevata. Tuttavia, si tratta di una malattia trattabile e curabile che non mette a rischio la vita del paziente. A differenza di altre zoonosi, quali pulci, zecche o altre infezioni comuni, non è possibile fare prevenzione con procedure veterinarie di routine come la vaccinazione o l'applicazione di repellenti o antiparassitari. La tigna nei gatti con un sistema immunitario nella norma si autolimita e si autocura. Tuttavia, nei casi più fragili, come nei gatti giovani, la dermatofitosi può diventare molto estesa e prevalente.

Scarica GRATIS la guida Il tuo portafoglio gode di buona salute? Impara a  interpretare il conto economico di un centro veterinario.

Quali sono le principali sfide cliniche nella diagnosi di dermatofitosi nei gatti?

“I segni clinici della dermatofitosi non sono molto specifici e dovrebbero quindi essere presi in considerazione in qualsiasi diagnosi differenziale di alterazioni a livello cutaneo. " In particolare, la manifestazione della tigna prevede la caduta del pelo, l'eritema e la desquamazione della pelle, in alcuni casi associati a prurito. All'interno della variabilità delle manifestazioni, troviamo 3 tipi di casistica basati sulla salute globale del gatto:

  1. Infezione semplice: le lesioni sono visibili ma limitate. La salute del un gatto è buona al di là delle lesioni, quindi ci si aspetta che risponda bene al trattamento.
  2. Infezione con complicanze: si tratta di gatti con lesioni estese e/o infiammate, maggiormente comuni in animali con pelo lungo e spesso, che coesistono con altre comorbilità (come le malattie delle vie respiratorie superiori). Fanno parte di questo gruppo anche i gatti che sono stati trattati ma che hanno presentato resistenza al trattamento.
  3. Senza lesioni ma con coltura micotica positiva: gatti in cui non sono visibili lesioni ma che trasmettono spore infettive che sono attaccate al pelo, a livello meccanico o tramite distacco delle artrospore di lesioni incipienti non rilevabili a prima vista.

Webinar "L’enigma della dermatologia felina: Il grooming".  - Dott.ssa Laura Ordeix

Tigna nei gatti: Ausili diagnostici

Gli strumenti diagnostici sono molto importanti nel sospetto di dermatofitosi nei gatti. Questi includono una combinazione di:

  • anamnesi clinica completa
  • esame fisico con luce bianca e sotto la lampada di Wood
  • esame diretto dei peli in fluorescenza
  • coltura micotica con conteggio delle CFU (unità formanti colonie)

È molto importante notare che un esame negativo con la lampada di Wood non esclude la malattia. Infatti, oltre il 50% dei negativi con la lampada Wood danno risultati positivi nella coltura micotica.

Quali fattori aumentano il rischio di contagio da tigna nei gatti?

Come detto sopra, come in altre malattie autolimitanti, lo stato di salute del gatto influenza il rischio di contrarre la malattia. Sono più suscettibili i gatti giovani o molto anziani con malattie concomitanti debilitanti e persino i gatti che soffrono di stress. Inoltre, ci sono due fattori che aumentano il rischio:

  • Fattori che promuovono microtraumi. L'aumento delle graffiature da prurito o delle lesioni, l'eccesso di umidità dopo il lavaggio, in particolare negli animali a pelo fitto, e altre pratiche che aumentano il rischio di microtraumi sono direttamente collegate all'aumento del rischio di tigna nei gatti.
  • Fattori che limitano la pulizia nei felini. Si tratta di un meccanismo naturale di difesa e pulizia dei gatti. Nel caso in cui il gatto non riesca a lavarsi a causa di artrite negli esemplari anziani o di infezioni delle vie respiratorie superiori, la mancanza di tale meccanismo può facilitare l'infezione micotica.

SCIVAC Rimini

1. Proverbio D, Perego R, Spada E, et al. Survey of Dermatophytes in Stray Cats with and without Skin Lesions in Northern Italy. Veterinary Medicine International, vol. 2014, Article ID 565470, 4 pages, 2014. doi:10.1155/2014/565470 Karen Moriello.
2. FELINE DERMATOPHYTOSIS: Aspects pertinent to disease management in single and multiple cat situations. Journal of Feline Medicine and Surgery (2014) 16, 419–431 Revisione del testo e cessione delle immagini del Dr. Pedro Javier Sancho (Clínica Veterinaria Drs. Sancho, Sant Boi de Llobregat).

Vets & Clinics

Spazio di riferimento per i veterinari