Vaccino trivalente del gatto. Da cosa protegge e quando viene somministrato? | Vets & Clinics

Lo spazio di riferimento dei veterinari #SiamoVets

Vaccino trivalente del gatto. Da cosa protegge e quando viene somministrato?

La vaccinazione consiste nell'inoculazione del virus, vivo modificato o inattivato, nell'organismo, in modo che quest’ultimo produca difese (anticorpi) contro il virus, generando così una memoria immunitaria contro alcune malattie.

Medicina e cura

Scarica GRATIS il report sul trattamento della diarrea e del vomito nei felini

Protezione del vaccino trivalente del gatto

Nel caso del vaccino trivalente del gatto, esso copre:

  • Parvovirus felino (FPV): responsabile della panleucopenia felina. Si tratta di un virus a DNA con speciale tropismo attraverso l'epitelio intestinale, il midollo osseo o i tessuti linfoidi. È un virus estremamente contagioso, con trasmissione per via orale. Clinicamente causa vomito, grave disidratazione, febbre alta, anoressia e diarrea. Provoca anche danni neurologici, clicca qui
  • Herpesvirus felino 1 (FHV-1)
  • Calicivirus felino (FCV): causa anche rinotracheite felina. Oltre ad avere lo stesso tropismo di localizzazione dell'FHV-1, può replicarsi anche nel polmone e nella mucosa orale. Causa starnuti, congiuntiviti, blefarospasmo, ipersalivazione e tosse.

L'infezione da FHV-1 e FCV produce una sintomatologia simile. Per ulteriori informazioni sulla diagnosi differenziale clicca qui e qui.

Scarica GRATIS la guida alla fisiopatologia gastrointestinale  del cane e del gatto. Enteropatie croniche.

Quando dovremmo somministrare il vaccino trivalente del gatto?

Non è ancora noto il protocollo di vaccinazione ottimale per indurre l'immunità nei cuccioli con anticorpi materni. Sembra che il momento ideale per la somministrazione del vaccino trivalente ai gatti sia ai 2 mesi di età. Non vaccinare prima dello svezzamento perché gli anticorpi nel latte materno possono neutralizzare il vaccino. Se lasciamo passare troppo tempo, il gatto non sarà protetto. È importante effettuare un richiamo dopo 3 mesi.

Anche i gatti adulti possono essere vaccinati se vengono adottati e non si conoscono le vaccinazioni effettuate, con una prima dose di vaccino trivalente del gatto e un richiamo dopo due settimane. Non è attualmente stabilito che venga eseguito un test diagnostico preventivo, poiché secondo i dati pubblicati è raro trovare risultati positivi alla PCR per FHV-1 e FCV prima e dopo la vaccinazione.

D'altra parte, esiste una certa controversia sul somministrare un vaccino con virus vivo modificato o inattivato. Tuttavia, sulla base di diversi studi svolti si conclude che la somministrazione parenterale del vaccino trivalente, inattivato o vivo modificato, può ridurre i segni clinici della malattia conseguenti all'esposizione al 7° giorno all'FHV-1, per cui sarebbe indicato l’uso di uno qualsiasi dei due tipi di vaccino.

Nella maggior parte dei casi, dovrebbero essere utilizzati vaccini con virus vivo modificato, anche se la sieroconversione per l'FHV-1 è più veloce dopo la somministrazione del vaccino inattivato, e nel caso dell'FPV è più veloce dopo la modificazione del virus vivo, non venendo riscontrata alcuna differenza nel tasso di risposta sierologica per l’FCV.

Importanza della vaccinazione

La somministrazione del vaccino trivalente del gatto è di grande importanza perché immunizza contro tre delle malattie più mortali per questa specie.

La panleucopenia felina può raggiungere elevati livelli di gravità, in quanto non esiste un trattamento curativo, ma solo misure sintomatiche e di supporto. Lo stesso vale per la rinotracheite felina, da cui l'importanza della vaccinazione.

Nuevo llamado a la acción